3 trend del social advertising nel 2017

Il social advertising continuerà a crescere in futuro. Ecco tre trend che non puoi perdere.
Le 5 qualità che rendono un social media manager davvero bravo

Il social advertising continua a crescere anno dopo anno. Secondo Statista.com, gli investimenti pubblicitari sui social network sono destinati a raggiungere la cifra di 41 miliardi di dollari a livello globale. Un volume di affari quasi raddoppiato rispetto al 2015, dove l’ammontare gravita attorno ai 25,14 miliardi.

Di fronte a queste cifre è importante capire in che direzione si muove il mercato, immaginare i trend e anticiparli. Ecco tre possibili “onde” del social advertising da cavalcare per Likeable, multinazionale americana del social media marketing.

Social Advertising: ecco i video verticali

Il mobile ha cambiato il modo in cui gli utenti fruiscono dei video. Dal formato orizzontale, tipico da pc, si è passati a una visualizzazione verticale che rispetta la forma dello smartphone. E non è solo una questione di prospettiva. Un video verticale può catturare più visualizzazioni, maggiore coinvolgimento e condivisioni rispetto a quello quadrato. Abbracciare il nuovo formato comporterà tante sfide per i brand e per i creatori di contenuti che dovranno ripensare ai dettagli delle inquadrature per fare social advertising.

Social Advertising: il target è sugli oggetti

Si chiama Object Based Targeting e potrebbe rappresentare la vera rivoluzione dell’advertising sui social media. Di cosa si tratta? In buona sostanza, in futuro gli inserzionisti potranno rivolgere le loro pubblicità in modo mirato a quegli utenti che postano video in cui compare il prodotto o il logo di un brand. Immagina di essere in un bar e di postare una foto mentre bevi una certa marca di caffè. Ora l’azienda può catturare quella informazione (ovvero che tu bevi un determinato tipo di caffè) e proporti delle soluzioni di social advertising mirate. Snapchat sta già lavorando per il brevetto di un software che ottimizza quest’attività e la rende automatica.

Social Advertising: nuove soluzioni per l’ad blocking

L’ad blocking è una tipologia di software (ne esistono diversi in circolazione) che una volta installato blocca la comparsa della pubblicità mentre navighi in rete. Secondo una ricerca di GroupM, il 27% degli italiani online ha installato un filtro per la pubblicità. C’è anche da dire però che molti utenti accedono ai social media utilizzando le applicazioni e non i browser, e questo limita le funzioni del software.  Insomma, una fortuna per gli inserzionisti che possono tirare un sospiro di sollievo, ma fino a quando? Servono nuove soluzioni per aggirare quello che potrebbe rappresentare una seria minaccia per il social advertising.

Categorie
Advertising
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close