Dal palazzo ghiacciato al semaforo che balla: 5 campagne di ambient marketing (davvero belle)

Il marketing ambientale: idee pazzesche dal mondo della pubblicità offline
Ambient marketing: dal palazzo ghiacciato al semaforo che danza

Ambient marketing, campagne di advertising nel ‘mondo reale’: vere e proprie installazioni, schermi interattivi, manichini e manifesti unici nel loro genere. Le possibilità sono tante e nel corso degli anni agenzie e creativi si sono sbizzarriti nel rendere speciale e unico il messaggio pubblicitario ‘in strada’. Ecco alcune delle più belle.

Il palazzo ghiacciato a Milano

Dopo quasi due giorni di speculazioni, finalmente rilevata la paternità della campagna di ambient marketing di Milano, il #PalazzoGhiacciato comparso in largo La Foppa.

Fino a poche ore fa, circolava l’idea (ovviamente scherzosa) che un inquilino avesse lasciato acceso il condizionatore dall’estate fino a dicembre, provocando il congelamento. Oggi si scopre la verità.

E.ON Italia, società multinazionale attiva nel settore energetico, oggi ha annunciato la paternità dell’iniziativa, per lanciare l’hashtag #odiamoglisprechi, già presentato con una precedente campagna TV. L’idea è quella di sottolineare che l’energia non deve essere necessariamente una fonte di sprechi e disastri ambientali.

In quest’ottica, il comandamento ‘Non sprecare’, sempre più all’attenzione dei consumatori e del dibattito politico internazionale, può diventare una leva di sviluppo e benessere per tutti.

In video, la conferenza stampa di presentazione del progetto:

Il manifesto che si spoglia

Nel 2011, la Interbest, un’azienda di advertising olandese specializzata nella vendita di spazi pubblicitari outdoor, ha lanciato questa originale campagna di marketing:

interbest-1

interbest-2

interbest-3

interbest-4

interbest-5

La campagna porta la firma dell’agenzia Y&R Not Just Film, che ha trovato questo modo originale per convincere i passanti a comprare gli spazi pubblicitari della Interbest. Con una ‘minaccia’ nascosta: “Prima comprate questo spazio, meglio è”, leggiamo sul cartellone.

E ogni giorno l’uomo in foto si spogliava sempre di più… fino a che Radio 2 non ha deciso di mettere fine allo strip tease!

La longa manus del crimine

Stavolta i geni sono dell’agenzia BBDO e saremmo tentati di dire che si tratta di veri e propri geni del crimine. Il cliente è la HBO, network televisivo statunitense notissimo per serie tv come Game of Thrones, The Wire e True Detective.

Tra il 1999 e il 2007 sul canale andò in onda quella che ancora oggi è considerata come uno dei migliori show mai prodotti: The Sopranos. La storia racconta di un gruppo di gangster latino-americani, delle loro attività criminali, ma anche della loro vita privata e familiare.

Per promuovere l’ultima stagione, i creativi della BBDO si sono inventati questa campagna di ambient marketing:

sopranos-1

sopranos-2

Ambiente Marketing per salvare l’ambiente

Un po’ cacofonico come titoletto, ma rende l’idea. Nel 2007 WWF ha lanciato una campagna di advertising realizzata dall’agenzia danese Saatchi & Saatchi.

L’idea era di sensibilizzare le persone sullo spreco della carta, una piaga per l’intero pianeta. Il benessere e la sopravvivenza delle nostre foreste, soprattutto di quella equatoriale in Sud America, dipende anche dalla quantità di carta che le persone consumano.

wwf

Il semaforo che balla

“A nessuno piace aspettare”: si apre così questo spot di Smart, che racconta una campagna di ambient marketing lanciata nel 2014.

A Lisbona, il brand ha creato una cabina dove alcune persone sono state invitate per un ballo: i loro passi di danza venivano poi proiettati su un semaforo pedonale lì vicino. Con risultati esilaranti:

Scopo della campagna, sensibilizzare i pedoni sulla pericolosità di attraversare la strada quando il semaforo non lo consente.

Categorie
Advertising
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close