5 errori dei principianti con Facebook Ads

Non fissare gli obiettivi e usare troppo testo, tra gli errori più comuni
Progetto senza titolo(22)

Facebook ads: da “appena” 2 miliardi del 2010 a 12,5 miliardi di dollari del 2016. In poco meno di 6 anni le entrate pubblicitarie di Facebook sono schizzate alle stelle rappresentando, secondo Hubspot, “oltre il 9% della spesa totale sul digital e il 18,4% della pubblicità sul mobile”.

Il successo della piattaforma è legato alla possibilità di selezionare un target di utenti mirato a cui mostrare l’annuncio, quello corrispondente al mercato che si vuole aggredire.

Tuttavia, affinché l’ads su Facebook risulti efficace per incrementare le tue vendite, devi stare ben attendo a non incappare in 5 errori molto frequenti tra i principianti.

Errore 1 Facebook ads: Non fissare obiettivi 

Per capire se i tuoi annunci su Facebook Ads stanno funzionando a dovere, devi in primo luogo stabilire i risultati che vuoi conseguire. La piattaforma offre numerose metriche con cui monitorare il ROI, return on investment, degli annunci (nuovi like sulla pagina, click sul sito web, ecc) ma se non sai cosa vuoi ottenere, non saprai neanche quale utilizzare.

Se il tuo brand è nuovo e vuoi diffonderlo, può avere un senso monitorare i like sulla pagina. Se hai una pagina ben nutrita di follower, può interessarti invece controllare l’incremento delle vendite che ti genera. Tutto dipende dall’obiettivo che ti poni. Solo così puoi valutare se il denaro che investi in ads, è speso bene.

Errore 2 Facebook ads – Target troppo ampio

La scelta appropriata del target a cui destinare l’annuncio su Facebook ads fa la differenza nell’efficacia o meno di un ads. È meglio mostrare l’annuncio a 300 utenti, di cui 250 sono interessati, piuttosto che a 1000 utenti di cui solo 100 comprerebbero il tuo prodotto. Sarebbe uno spreco di denaro.

Se un ads non ti sta portando ritorni considerevoli, prova ad aggiustare i criteri di definizione del target e rendili più precisi.

Errore 3 Facebook ads – Utilizzi troppo testo 

Ti è mai capitato di avere un’idea brillante per un  Facebook ads, spenderci ore per scrivere il contenuto nel modo più accattivante possibile, per poi vederlo rifiutato da Facebook? Questo a causa di una semplice regola di base: gli annunci con troppo testo risultano pesanti, attraggono meno l’attenzione e si diffondono meno rispetto a quelli con poco, pochissimo testo.

Evita di perdere tempo e riduci al minimo le parole del tuo annuncio. Prediligi poche righe scritte in modo semplice, che sappiano incuriosire e spingere l’utente a fare click.

Errore 4 Facebook ads– Usi immagini non ottimizzate

Molto spesso un annuncio non è efficace perché non viene visualizzato in modo corretto. Perché? Hai utilizzato un’immagine dalle dimensioni diverse da quelle suggerite da Facebook ads. E ciò affonda il tasso di coinvolgimento dell’annuncio.

Ma non sono solo le dimensioni che contano. Anche il contenuto stesso dell’immagine fa la differenza. Così come il testo, deve essere accattivante e attirare l’attenzione dell’utente. Utilizzare immagini sfocate, di bassa qualità e non correlate a ciò che promuovi si traduce in un autogoal. Non solo non vendi il tuo prodotto, ma rovini anche la percezione del tuo brand presso il pubblico.

Errore 5 – Stai saturando il tuo target

Sai come creare l’annuncio perfetto su Facebook. Scrivere il testo in modo coinvolgente, scegliere la foto appropriata, impostare nel modo corretto i criteri di definizione del tuo target. Eppure puoi incappare ancora in un errore. Quale? Sommergere il tuo target di riferimento di annunci. All’inizio è facile lasciarsi prendere dall’entusiasmo, ma così rischi di “stancare” i tuoi follower. Il risultato: perdi like sulla tua pagina e diffonderai un’immagine negativa del tuo brand.

È difficile capire quando si sta raggiungendo il livello di saturazione. Per tanto, fai delle “pause” di tanto in tanto nel postare i tuoi ads e proponili solo quando hai qualcosa di valore per il tuo pubblico.

Categorie
Social
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close