5 motivi per cui lavorare per Google è un dramma

Perdi di vista le cose importanti, lavori tanto senza promozioni e svolgi compiti che mortificano le tue competenze
lavorare-per-google

Nell’immaginario di tutti lavorare per Google significa muoversi in ufficio sui pattini, dormire su divani o amache, rilassarsi su uno degli scivoli, e tanti benefit come palestra e pasti gratis. Se sicuramente queste sono cose vere e testimoniate, dall’altro ci sono aspetti più oscuri che forse non conosciamo e rendono anche il lavoro in Google un’esperienza a volte anche molto stressante.

Business Insider riporta le testimonianze di ex e attuali dipendenti dell’azienda che testimoniano i loro disagi.

1. Lavorare per Google: perdi di vista le cose importanti

Joe Cannella, è un  senior account manager che ha smesso di lavorare per Google.  Cannella spiega che uno dei rischi di lavorare per big G è quello di vivere in un mondo ovattato e dimenticare la vita reale: «In pratica trascorri tutte la giornata a mangiare il cibo di Google, vestirti con la “roba” dell’azienda, parlare con gli acronimi di Google, inviare email di Google da telefoni Google. E perdi di vista cosa significa essere indipendenti da big G. Hai tutto quello che vuoi, ma al prezzo di ciò che più conta nella vita: essere liberi», scrive.

2. Lavorare per Google: sono tutti iper-qualificati

Questo è un grosso problema per molti ragazzi che hanno scelto di lavorare per Google. L’azienda è piena di talenti e maghi della programmazione, ma non ci sono abbastanza posti disponibili per tutti nei ruoli che contano:  «Ci sono studenti delle migliori università americane che devono accontentarsi di rispondere a telefono e risolvere i problemi degli inserzionisti nei prodotti di ads, o che manualmente eliminano video da YouTube o programmano solo per cambiare il colore di un bottone», scrive un impiegato che ha preferito restare anonimo.

3. Lavorare per Google: 8 ore al giorno senza una promozione

Un altro impiegato “anonimo” racconta i ritmi massacranti che chi sceglie di lavorare per Google è costretto a sostenere: «Ho conosciuto gente che ha lavorato per anni più di otto ore al giorno e non ha mai ricevuto un benefit o una promozione».

4. Lavorare per Google: pensano solo ai numeri

Katy Levinson, ex sviluppatore per Google, critica le metriche scelte dall’azienda per valutare il lavoro che, a suo modo di vedere, premiano la quantità a discapito della qualità: «Ogni miglioramento è misurato solo in termini numerici. L’usabilità, i bug? A nessuno importa. Se non puoi misurare un problema che hai riscontrato, a nessuno interesserà discuterne».

5. Lavorare per Google: puoi perdere un progetto dall’oggi al domani

Un altro dipendente che preferisce restare anonimo, racconta come la politica dell’azienda sia arbitraria nella cancellazione dei progetti: «Dall’oggi al domani puoi perdere un lavoro su cui sei stato per mesi. Al danno si aggiunge anche la beffa: quando perdi un progetto, finiscono anche le tue speranze di ottenere una promozione».

Categorie
E-life
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close