Banner pubblicitari: sui siti web funzionano di più che sui social (lo studio)

Una ricerca americana mostra che c'è un modo per mettere in crisi il dominio di Facebook e Google nell'advertising
pubblicità online

C’è una nuova speranza nel mercato dei banner pubblicitari online in cui l’85% di ogni dollaro speso online finisce nelle mani di Google e Facebook. Una ricerca realizzata da una società di neuro marketing, Neuro-Insight, mostra che gli utenti sono più attenti alle inserzioni pubblicitarie postate sui siti rispetto agli ads che appaiono nei feed dei social media. La notizia è riportata da AdWeek e, se confermata, potrebbe rendere più democratico l’advertising online.

La ricerca sui banner pubblicitari di 4 big

Condé Nast, Forbes, Time Inc. e The Atlantic sono gli editori che hanno scelto di sottoporre i loro siti all’attenzione degli studiosi. I ricercatori si sono serviti di un campione di utenti e li hanno sottoposti alla visione di video pubblicitari sia sui siti che sui social media. I risultati sono sorprendenti: gli utenti hanno dimostrato molto più interesse nei contenuti postati sui siti web piuttosto che su quelli visualizzati all’interno delle piattaforme di social media. Tradotto in numeri il 16% in più di attenzione e coinvolgimento.

Inoltre, i video visti sui siti web si sono dimostrati più facili da ricordare per l’utente con un impatto maggiori sui due emisferi celebrali, quello sinistro (+19%) che controlla la parte razionale e su quello destro (+8%), che gestisce gli aspetti emozionali.

I video pubblicitari sui siti si ricordano di più

La ricerca mostra poi che gli utenti che guardano i video pubblicitari sui siti riescono più facilmente a ricordarli e a fornire dettagli, con performance superiori di 8 e 10 volte, rispetto a chi guarda gli stessi video sui social network.

I risultati che rivoluzionano i banner pubblicitari

Se gli studi fossero confermati da altre indagini, si potrebbe assistere a un cambiamento nel comportamento degli inserzionisti che potrebbero destinare più soldi verso banner pubblicitari sui siti web, rispetto a un contesto che li vede oggi impegnati a monetizzare dai contenuti su mobile e social network. Se così fosse, si potrebbe assistere a un tentativo di mettere in discussione il duopolio Facebook – Google che oggi domina il mercato.

Categorie
Advertising
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close