La batteria per smartphone che si ricarica in pochi secondi (e dura una settimana)

Più sottile, dura più a lungo e si ricarica in pochi secondi. Dalla Florida arriva una super batteria che rivoluzionerà l'Hi-tech
Una batteria per smartphone che si ricarica in pochi secondi

Una batteria per smartphone che si ricarica nel giro di pochi secondi e dura molto più a lungo di quelle comuni. È questo il frutto del lavoro di alcuni ricercatori della Florida. La nuova tecnologia si basa su dei super condensatori flessibili. Il segreto? I materiali bidimensionali.

Materiali a 2D nelle nuove batterie

Ad oggi, anche il più veloce degli smartphone non ha un periodo di ricarica inferiore a 1 ora. E ci siamo tutti abituati a ricaricarlo almeno una volta al giorno, con le app e la connessione mobile che ‘risucchiano’ tutta l’energia in poche ore.

Tutto questo potrebbe presto cambiare, grazie all’innovativa tecnologia dei materiali bidimensionali.

Alcuni ricercatori dell’Università della Florida Centrale, membri del laboratorio di nanotecnologie, hanno sviluppato dei super condensatori flessibili, capaci di immagazzinare molta più energia rispetto alle tradizionali batterie al litio a cui siamo tutti abituati.

Gli studiosi sono riusciti infatti a impiegare dei particolari materiali bidimensionali nella condensazione di energia. I materiali 2D sono degli eccellenti conduttori di energia elettrica e nel processo non disperdono calore: il che li rende ottimi come condensatori, perché riducono la quantità di elettricità sprecata e si ricaricano molto velocemente.

Tra i più noti ricordiamo il grafene. Ma anche il silicene, il fosforeme, il germanene e lo stanene.

Essendo a due dimensioni (non a 3), poi, sono ultrasottili: il loro spessore si misura in milionesimi di millimetro. Riuscite a immaginare una cosa del genere?

Una batteria carica in pochi secondi

Lo speciale condensatore si ricarica in pochi secondi e può durare anche una settimana. In più, le continue ricariche hanno un impatto minore: se in media una batteria al litio perde efficienza dopo circa 1.500 cicli di ricarica, la nuova tecnologia mantiene intatte le proprie caratteristiche per circa 30.000.

Non è la prima volta che i materiali 2D vengono impiegati in sistemi di immagazzinamento dell’energia. È la prima volta, però, che il loro potenziale viene incorporato in sistemi tecnologici costruiti con materiali tradizionali.

Al cuore della scoperta c’è il super condensatore: è stato realizzato mettendo insieme milioni di fili microscopici e rivestiti dallo speciale materiale bidimensionale.

Applicazioni future

Secondo quanto spiega il professor Yeonwoong “Eric” Jung, a capo della ricerca, i tempi non sono strettissimi. “Il nostro condensatore non è ancora disponibile per la commercializzazione e potrebbe volerci ancora tempo. La scoperta, però, rappresenta un buon inizio: la tecnologia che abbiamo sviluppato avrà un impatto importante su tanti dispositivi diversi”.

Gli smartphone sono il principale campo di applicazione, ovviamente. Ma non è da escludere l’utilizzo sulle automobili elettriche e i dispositivi indossabili.

Categorie
Smart Economy
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close