Brainstorming: che cos’è e quali sono le tecniche più efficaci

Brainstorming, significato e tecniche più utili per sviluppare idee creative
brainstorming

Avrai sentito parlare di brainstorming all’interno di qualche articolo sul web. Avrai letto, per esempio, che il brainstorming consiste in una serie di tecniche che aiutano a sviluppare idee creative, che le sessioni di lavoro vengono realizzate in gruppi e che ci sono una serie di esercizi molto originali che stimolano la creatività.

Anche se è tutto corretto quello che sei venuto a sapere, forse ti sarà comodo conoscere qualche aspetto in più sul brainstorming, le origini della definizione, per esempio. E ancora come si inizia in concreto, quali sono le regole e le tecniche generali, E infine quali sono i software online che ti consentono di ottimizzare le tue sessioni di brainstorming.

Se sei curioso sul fenomeno, qui trovi una mini guida che vuole aiutarti ad approfondire la questione.

Brainstorming: il significato

La parola brainstorming  si origina da un termine inglese composto da brain (cervello) e storming che significa tempesta.

Nel sentire comune, il brainstorming consiste in una serie di tecniche che aiutano un gruppo di lavoro a stimolare il processo creativo allo scopo di creare nuovi business e prodotti.

Le origini di questo sistmea risalgono agli anni Quaranta. Il primo a coniare il termine è stato un pubblicitario di nome Alex F. Osborn. Nel 1942 in un suo libro How to Think up, l’autore presenta la tecnica del brainstorming e le quattro regole principali:

1. Non criticare mai le idee degli altri.

2. Ogni rivoluzione dell’idea iniziale è benvenuta.

3. La qualità deve accompagnare il processo creativo.

4. Ogni idea va perfezionata, sempre.

Brainstorming: che vuol dire in concreto?

Per approfondire ancora di più il significato del termine, bisogna analizzare due aspetti. Il primo riguarda le regole necessarie per realizzare un brainstorming efficace. FastCompany, rivista americana incentrata sulla creatività, ne offre 5 sui cui riflettere attentamente.

1. Trovare un facilitatore . È come il vigile nel traffico! Aiuta il gruppo a discutere nel modo migliore. Deve essere una persona moderata ed empatica.

2.  Preparati. Prima di avere qualsiasi idea bisogna conoscere alla perfezione il campo da cui parte il processo creativo del brainstorming.

3. Trovare un ambiente rilassante. Stress e ansia stimolano la paura e bloccano il flusso creativo. Funzionano molto delle musiche rilassanti da mettere in sottofondo durante la sessione di lavoro.

4. Rendere visive le idee. Una lavagna, fogli di carta, le idee vanno scritte da qualche parte per attivare la mente. Esistono poi dei tool che ti aiutano a realizzare degli schemi molto semplici e chiari (ne parliamo tra poco).

5. Favorire il contributo di tutti. Ogni membro del team deve dire la sua, essere invogliato a farlo. Fondamentale in questo senso è il ruolo del facilitatore che deve riuscire a offrire a ogni persona lo stesso spazio.

Brainstorming: le tecniche

 Sono tante le tecniche del brainstorming: abbiamo selezioni cinque esempi, tra i più originali e utili.

1. Le mind map. È una tecnica di brainstorming semplice per “visualizzare” le tue idee. Scrivi al centro di una lavagnetta la parola più importante del tuo progetto, quella sulla quale vuoi concentrare l’attenzione del gruppo. Dopodiché riporta in sequenza tutte le idee che vengono in mente associate a quella parola.

2. Le associazioni di immagini. Le immagini sono importanti quanto le parole. Stampa tutte le fotografie e le illustrazioni legate a quell’idea e mettile sul tavolo da lavoro.

3. I giochi di ruolo. A questa categoria appartiene un insieme di tecniche di brainstorming che ti consentono di inquadrare il problema da un’altra prospettiva. Immagina di essere un altro, una celebrità, un capo, un tuo vicino di casa. Mettiti nei suoi panni e prova a immaginare cosa penserebbe sul tema principale della discussione.

4. Metti l’idea in discussione. La tecnica di brainstorming qui si chiama SCAMPER e ti consente di “fare le pulci” alla tua idea. Cosa succede se sostituisci un concetto della tua idea? Se ne cambi lo scopo? Se ne modifichi l’aspetto o il colore? Se la semplifichi? E perfino, se provi a fare l’opposto di quello che hai fatto fino a ora?

5. Il teletrasporto. Immagina di essere in un altro posto e tempo. Cosa succederebbe alla tua idea se fosse stata ideata 10 anni prima o dopo?

Brainstorming:  i software che aiutano

Oggi il brainstorming si fa anche online. Sono tanti i software che ti aiutano a creare delle sessioni di lavoro anche a distanza.

XMind per creare delle mappe digitali. È un software per il brainstorming molto consigliato perché ti permette di creare delle “mind map” chiare e semplici da leggere e da esportare nei formati di testo più noti, come PDF e Word.

Popplet per collaborare a distanza.  Questo tool è pensato proprio per le collaborazioni a distanza. Cosa fa? Ti consente di collegare diversi dispositivi allo stesso progetto. Tutti possono visualizzarlo e apportare modifiche.

Sampleboard per le immagini. Lo scopo di questo software è quello di offrire all’utente una piattaforma per inserire immagini e raggrupparle rispetto a nuclei tematici.

Categorie
Focus
Un commento
  • Cos’è e come si effettua un brainstorming aziendale | Aziende 24h
    20 gennaio 2017 at 4:08 pm
    Lascia un commento

    […] cos’è e come si effettua il brainstorming aziendale è il primo passo verso il successo, speriamo dunque che il nostro articolo vi sia stato […]

  • Lascia un commento

    *

    *

    Articoli collegati

    Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

    The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

    Close