Dove vanno i media italiani?

Lo stato attuale dei media italiani, le direzioni possibili: un'analisi dell'audience e degli investimenti pubblicitari
Focus sullo stato dei media italiani: carta stampata, tv, radio e digital

La televisione è ancora molto forte, i giornali cartacei continuano a perdere lettori, Internet cresce, grazie soprattutto al mobile, e la radio è la vera sorpresa degli ultimi anni. È questa in sintesi la situazione dei media italiani nell’ultimo periodo. E gli scenari futuri sembrano indicare una situazione simile anche per i prossimi anni.

Stampa e media italiani tradizionali

La carta in Italia non ha mai avuto la fortuna sperata, specialmente in confronto ai Paesi anglosassoni e scandinavi. Da sempre, la penetrazione dei quotidiani cartacei è stata inibita da fattori sociali e demografici. Un trend che non poteva non riproporsi nel corso degli ultimi decenni, quando persino le grandi aziende editoriali del passato cedono il passo. Sull’argomento ricordiamo solo due dati, fondamentali. Innanzitutto i ricavi: gli ultimi dati AGCOM disponibili ci dicono che quotidiani e periodici hanno perso complessivamente il 7,5% dei propri ricavi dal 2014 al 2015. In termini assoluti, si arriva a poco meno di 4 milioni di euro. Come spiega questa infografica, il trend è in calo, malgrado i nuovi lettori in arrivo dal canale digital.

media-italiani-2

Dati: Audipress

La televisione si conferma regina dei media italiani

Anche se i ricavi nel confronto 2015/2014 sono essenzialmente stabili ( +1,5% Tv in chiaro, -1,4% pay tv) , la televisione ha raccolto lo scorso anno complessivamente circa 7,8 miliardi di euro. Quasi il doppio rispetto all’editoria e quasi 5 volte di più rispetto a Internet. La stragrande maggioranza della popolazione italiana, ha accesso al mezzo televisivo almeno una volta durante la settimana. In percentuale, arriviamo al 96%. Cambiano le modalità di fruizione, però: il 29% dei telespettatori guarda la tv attraverso un computer, il 16% via smartphone, il 14% via smart Tv e il 12% sul tablet.

Il mobile traina la crescita dei media italiani

Secondo gli ultimi dati Audiweb, la total digital audience in Italia ha raggiunto i 28,4 milioni di utenti nel mese di luglio 2016. Nel giorno medio, circa 22 milioni di italiani si collegano a internet. È il mobile a trainare la crescita del canale digital: nel mese di luglio hanno navigato via mobile 24,6 milioni di italiani tra i 18 e i 74 anni. Nel giorno medio, i device mobili sono stati lo strumento di navigazione preferito per 19,2 milioni di italiani, mentre il pc è stato utilizzato da 9,9 milioni di utenti.

In un confronto con il resto dei Paesi europei, l’utilizzo del Web risulta però ancora poco diffuso (in questo caso, i dati sono riferiti al 2014, ultimo range temporale disponibile). Gli utenti che complessivamente possono accedere a Internet sono circa il 75% nei Paesi dell’Ue 28, a fronte dei 34,5 milioni in Italia (60,2%).

media-italiani-3

Dati: Istat

Tra i media italiani avanza la radio

Nello scenario mediale italiano, merita un discorso a parte anche la radio. Secondo AGCOM, è il medium che ha visto la crescita maggiore nei ricavi tra il 2014 e il 2015, facendo registrare un eccellente +9,5%.

Dopo la televisione, la radio è il secondo mezzo di comunicazione più utilizzato dagli italiani: la ascolta il 68% della popolazione, per una media di 149 minuti al giorno (dati AGCOM riferiti al 2015). Il canale digital, in questo caso, sembra aver dato forte impulso al mezzo: riproposizione dei palinsesti sui siti web delle emittenti, podcast, app e servizi di streaming hanno ampliato le possibilità di fruizione del mezzo. Anche lo switch-off televisivo, il passaggio al digitale terrestre, ha rappresentato un’opportunità per le emittenti di ampliare la propria diffusione.

Dove vanno i media italiani?

Fin qui abbiamo visto la fotografia attuale, che fornisce già alcune indicazioni sui possibili scenari futuri. Ora con l’ausilio del PwC Entertainment & Media Outlook 2016-2020, daremo un’occhiata alle prospettive dell’industria dei media e dell’intrattenimento da qui al 2020.

Considerando anche il settore dei Videogame, il fatturato complessivo del settore raggiungerà i 36 miliardi di euro, con un aumento del 4% sul 2014 (29,6 mld). A guidare la crescita ci saranno Internet (+7,2%), TV (4,6%) e Radio (+2,4%). Il canale digitale è destinato a diventare preponderante, rappresentando nel 2020 il 48% del totale del mercato media/intrattenimento. Nel 2015 era fermo al 40%.

Categorie
BrainstormingFocus
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close