Editoria e stampa: la top 10 delle aziende italiane per fatturato

Come stanno andando le prime 10 società italiane del settore editoria e stampa?
Editoria e stampa: la top 10 delle aziende italiane per fatturato

Come da tradizione decennale, l’Ufficio Studi Mediobanca ha pubblicato l’edizione 2016 de “Le Principali Società Italiane”, vera e propria miniera di dati e statistiche sui principali settori produttivi italiani. Nello studio vengono indicate le prime 20 società industriali e di servizi italiane, in base al loro fatturato 2015. Sono poi indicate le variazioni rispetto all’anno precedente e altre statistiche interessanti: numero di dipendenti, debiti finanziari, utili, perdite e così via. Tra i settori analizzati dai ricercatori Mediobanca, troviamo anche editoria e stampa. Ecco la top 10 del settore:

Editoria e stampa: la top 10 delle aziende italiane per fatturato
Quello che salta all’occhio immediatamente è la difficoltà dei primi 3 grandi gruppi di editoria e stampa in Italia, tutti in crisi di fatturato: Arnaldo Mondadori del Gruppo Fininvest, che registra – 4,6%, RCS Mediagroup al -19,3% e l’Editoriale L’Espresso al -6%. Calano anche i fatturati del Poligrafico, di Pietro Pozzoni e C. e di Monrif.

Vanno decisamente meglio Messaggerie Italiane, Rotolito Lombarda e Giunti.

Approfondisci: Dove va il mercato editoriale italiano?

Editoria e stampa: chi sale

Messaggerie Italiane di Giornali e Riviste è il più grande distributore di libri italiano. Si stima che un libro su tre, in Italia, sia gestito dall’azienda con sede a Milano.

Messaggerie inoltre controlla al 70,08% il Gruppo editoriale Mauri Spagnol (GeMS). GeMS vede tra i propri asset 10 case editrici e 18 marchi editoriali. I principali: Garzanti, Corbaccio, Salani, Longanesi, Bollati Boringhieri, Tea, Guanda (al 90%) e Chiarelettere (50%). Detiene infine una quota del Fatto Quotidiano e gestisce la rivista Il Libraio.

Messaggerie è inoltre proprietaria della catena di librerie Ubik e gestisce ibs.it, Internet Bookshop.

Il gruppo ha visto nel 2015 una crescita del fatturato del 21,9% rispetto all’anno precedente.

Ottimi risultati anche per Rotolito Lombarda (+10,7%), azienda 40ennale che offre soluzioni per stampa e confezioni, che alla sua nascita realizzava le copie del fumetto italiano Diabolik. Bene anche Giunti (+5,5%).

Menzione a parte per Il Sole 24 Ore che registra sì un buon +3,8%, ma pare navighi in cattive acque. Gli stessi giornalisti, in un comunicato, hanno definito quello attuale il momento “più drammatico” della storia del giornale di Confindustria. Nei primi 6 mesi del 2016, la società editrice ha perso quasi 50 milioni di euro e la CONSOB sospetta che bilancio e vendite degli anni passati siano truccati.

Editoria e stampa: chi scende

Il calo di fatturato più vistoso è stato registrato da Rcs Mediagroup, con il suo -19,3%.

Durante quest’anno, il gruppo che gestisce marchi storici dell’editoria italiana come Rizzoli e Corriere della Sera, ha visto un profondo riassetto proprietario. Gli Agnelli, rappresentati dal gruppo Exor-Fca, sono usciti da Rcs dopo 40 anni di presenza stabile. A prendere in mano le redini dell’azienda, a ottobre, è Urbano Cairo, che ne è diventato presidente e amministratore delegato.

Nel 2016, la situazione di Rcs sembra in miglioramento. Dopo 14 trimestri in negativo, il gruppo ha registrato un utile di 19,9 milioni di euro nel periodo aprile-giugno 2016. Nei primi sei mesi dell’anno le perdite sono registrate a 2,1 milioni: non male, se paragonato ai 95,4 milioni che perdevano nello stesso periodo del 2015. Cala anche l’indebitamento finanziario netto, a 422,4 milioni (giugno 2016).

Approfondisci: Investimenti pubblicitari dei giornali in calo

Tra le altre aziende editoriali in difficoltà, troviamo:

  • Monrif (-14,3%), editore tra gli altri del Resto del Carlino, Il Giorno, QN e La Nazione;
  • Pietro Pozzoni & C. (-14,1%), una delle prime realtà nel settore delle arti grafiche in Europa;
  • Gruppo Editoriale L’Espresso (-6%), che edita il settimanale e La Repubblica e da quest’anno, dopo la fusione con Itedi, anche La Stampa e il Secolo XIX. Il gruppo possiede anche Radio DeeJay, Radio Capital e m2o.
  • Arnoldo Mondatori (-4,6%), del gruppo Fininvest
Categorie
Brainstorming
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close