Email fuori orario: “Sono lavoro e vanno retribuite”

Entra in vigore la legge ammazza email in Francia. Punta a rendere i dipendenti più rilassati e le aziende più produttive
email

La Francia mette al bando le email fuori dall’orario di lavoro. Nessun dipendente dovrà rispondere e nessun capo potrà inviare email, dopo le ore trascorse in ufficio. La legge che era stata annunciata a settembre è entrata in vigore ieri, come svela Fortune.

Come funziona la legge anti-email

Ognuno di noi ha il “il diritto alla disconnessione”. È un po’ questa la logica che ha portato il governo francese a approvare una legge per aiutare quelli che sono gli “work addicted”, ovvero quei dipendenti che continuano a lavorare, anche quando è terminato l’orario di lavoro, rispondendo, per esempio, alle email dei loro capi. La nuova legge si applica in particolare alle aziende con più di 50 dipendenti e prevede che ogni attività dei dipendenti fuori dall’ufficio vadano retribuite come straordinario. Quindi una email risponde a questo criterio. Benoit Hamon, l’ideatore della legge spiega che la legge è pensata per aiutarli a superare la sindrome da “iper connessione”: «Lasciano l’ufficio, ma non il lavoro. Restano attaccati al “guinzaglio elettronico”, come un cane», spiega Hamon.

Email: i benefici per aziende e dipendenti

Secondo una ricerca “il bando” alle email porterà benefici ai lavoratori, ma anche alle aziende, aiutando i dipendenti a essere più rilassati ed efficienti. Fortune riprende una ricerca di un gruppo di studiosi di Stanford che hanno dimostrato che lo stress sul lavoro ha costi incredibili sulle aziende e sulla società. Solo in America, parliamo di cifre che vanno tra i 125 e 190 miliardi di dollari l’anno, “prezzo” pagato in termini di spese sanitarie. Stiamo parlando di una percentuale dell’8% sul totale. La maggior parte delle vittime sono proprio quei lavoratori che sono costretti a rinunciare alla vita privata per le richieste pressanti del loro capo.

Ignorare le email e spegnere il telefono è un diritto

L’articolo in questione è il 55 della Loi Travail e nel dettaglio prevede che le aziende, che hanno esigenza di contattare i loro dipendenti al di fuori degli orari di lavoro, stringano accordi con i sindacati, oppure delle misure interne.

Un altro studio, questa volta francese, ha dimostrato che solo un manager su quattro smette di consultare email e telefono, quando in teoria dovrebbe riposarsi.

Per capire quanto i benefici di questa misura possano essere allargati alle aziende, basti pensare che tra i promotori c’è Bruno Mettling, che non è un sindacalista o un politico. Il manager è il vicedirettore di Orange, il gigante delle telecomunicazioni francesi, che ha accolto la misura considerandola come “un grande progresso”.

La Francia è il primo Paese a legiferare sull’argomento, anche se ci sono aziende che si sono mosse prima. Come la tedesca Dailmer, il brand che produce veicoli. Già dal 2014 c’è un servizio opzionale per i lavoratori che prevede la possibilità di cestinare direttamente le email che vengono inviate quando sono in vacanza, al posto della classica risposta automatica.

Categorie
E-life
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close