Facebook Ads: 5 cose che non sai

Sicuro di aver impostato le tue campagne ads social tenendo conto di tutti i fattori in ballo?
Come cambiano i Facebook ads? Le ultime novità

Facebook consente di raggiungere potenzialmente milioni di persone in tutto il mondo. Un bel vantaggio per i publisher, che vogliono condividere contenuti con un’audience quanto più grande possibile. Ma anche per le aziende, che vogliono far conoscere prodotti e servizi (e possibilmente venderli). C’è un ma. La concorrenza sta diventando davvero elevata, al punto che è impensabile ottenere un qualche tipo di successo senza investire nulla.

La buona notizia è che, rispetto ad altre forme di pubblicità, gli annunci di Facebook sono ancora relativamente economici. Per farli funzionare davvero, però, hai bisogno di conoscere nel dettaglio tutti i trucchi e le strategie più efficaci. Eccone 5 che probabilmente non conosci (consigliate da Rocco Baldassarre su Entrepreneur).

1. Gli eventi influenzano il prezzo

L’algoritmo di Facebook è basato su un sistema che modifica il costo per impression (CPM), in base a un target specifico, ma anche in base alla stagionalità. Uno dei fattori di cui tener conto, quando si avvia un’inserzione, sono gli eventi concomitanti. Per esempio: a ridosso del Natale o nel giorno del Black Friday, gli ads avranno un costo per clic più elevato del solito. Perché? È facile intuirlo: la domanda di visibilità per gli annunci su Facebook si impenna in questi giorni. E quindi il costo lievita.

2. Clic to chat

Gli annunci su Facebook hanno diverse modalità di pagamento disponibili. Le più conosciute e utilizzate sono in genere il CPM (costo per impression/visualizzazione) o CPC, il costo per clic. Non tutti sanno che il social offre anche la possibilità di Clic to chat: campagne di sponsorizzazione che indirizzano cioè a una chat, non a un semplice clic. Si tratta di uno strumento estremamente utile per continuare a coinvolgere i cosiddetti lead: coloro che hanno familiarità con un prodotto o servizio, ma che potrebbero avere delle domande prima di effettuare l’acquisto.

3. Occhio al testo

Fino a qualche mese fa, Facebook non approvava un’inserzione se il testo sovrapposto all’immagine costituiva il 20% dell’area totale. Anche se questa regola non è più tassativa, il social premia ancora gli ads con poco testo. Le inserzioni che hanno una quantità di testo maggiore, saranno pubblicate con minore frequenza, o per niente.

Facebook ha introdotto 4 categorie per valutare il testo in un’immagine sponsorizzata. Sulla guida ufficiale per il Marketing, sono stati introdotti anche degli esempi:

4. Pubblico simile

Una funzione molto utile è quella per la targettizzazione del cosiddetto “Pubblico simile“. Con questo strumento è possibile creare un nuovo pubblico per le inserzioni, basandosi su 3 possibili “fonti”:

  • Pubblico personalizzato già utilizzato (un elenco dei clienti esistenti)
  • Visitatori del sito Web: installando un pixel di Facebook sul sito web di un’azienda, è possibile creare un Pubblico simile basato sulle caratteristiche delle persone che lo visitano
  • Fan della Pagina Facebook

Secondo Entrepreneur, in questo modo è possibile abbassare il CPA (Costo per azione), aumentando al contempo la visibilità e il reach dell’inserzione.

5. I video sono davvero efficaci?

Per Entrepreneur, no: «Se l’obiettivo aziendale è generare introiti attraverso gli spot video, Facebook non è il canale giusto». Perché? Perché non generano una risposta diretta. Sono molto utili per trasmettere un messaggio, per coinvolgere l’audience, ma raramente un potenziale cliente andrà a cliccare sul link dell’annuncio. Preferirà mettere mi piace, oppure commentare.

APPROFONDISCI: Inserzioni Facebook: troppi errori e poca trasparenza

Categorie
Social
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close