Facebook batte YouTube: i suoi video condivisi 10 volte in più (lo dice una ricerca)

Più interazioni e più condivisioni. Così Facebook punta a togliere a YouTube il titolo di "Re" dei video
Video nativi

Milioni di video sono condivisi su Facebook e sempre più brand li usano per la loro strategie sui social media. Ora hanno una ragione in più per farlo dopo uno studio pubblicato da Quintly, azienda specializzata in analisi sui social media.

La ricerca dimostra che i video nativi su Facebook sono condivisi 10 volte in più di quelli su YouTube. In particolare, i filmati che nascono sulla piattaforma di Mark Zuckerberg ottengono in media il 110% in più di interazioni e il 478% in più di condivisioni.

Le ricerche su 6,2 milioni di post

Per giungere alle sue conclusioni, Quintly ha analizzato 6,2 milioni di post da oltre 167mila profili durante tutta la seconda parte del 2016.  Il mese più interessante nell’analisi è quello di dicembre: i video nativi di Facebook hanno infatti ottenuto una percentuale di condivisione del 1055.41% maggiore rispetto a YouTube.

video nativi grafico 2

Anche il tasso di interazione, nello stesso mese, è balzato al + 300%, come si evince dalla grafica postata su Forbes.

video nativi grafico 2

I vantaggi dei video nativi su Facebook

Uno dei benefici che spiega il successo dei video nativi sulla piattaforma di Mark Zuckeberg è sicuramente il fattore tempo e il vantaggio che, rispetto a YouTube, le clip partono in automatico. Mentre i video su Facebook appaiono sulla bacheca del social media, inoltre, quelli di YouTube si appoggiano a un’app esterna. Il risultato è una fruizione per l’utente più veloce e semplice.

E non è un caso. Facebook sta provando a togliere a YouTube il titolo di “Re dei video” online. E i dati oggi danno ragione al social network. Secondo Quintly il 99% dei profili usano i video nativi, rispetto al 30% che si serve di YouTube. E ancora i profili che superano i 10 milioni di fan, tendono a usare maggiormente i video nativi.

Approfondisci: Facebook lancia la più grande campagna di advertising della sua storia

Categorie
Social
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close