Facebook invia assegni a centinaia di migliaia di utenti

Il social di Mark Zuckerberg sta inviando assegni da 15$ a 150mila utenti
assegni-facebook

Ricevere un assegno da Facebook non è un evento da tutti i giorni (a parte forse per chi ci lavora!). Eppure è quello che sta succedendo in queste ultime ore ad alcuni utenti del social. In molti, infatti, stanno condividendo le foto di un assegno di 15$ inviato proprio dall’azienda di Menlo Park. Ecco un esempio:

Prima che iniziate a sperare di riceverne uno, è meglio ricostruire la faccenda nel dettaglio.

Una class action da 150mila persone

Facebook sta mandando le sue scuse via posta”, scrive Ananya Bhattacharya su Quartz. Perché è di questo che si tratta. A partire dal 17 Novembre, il social sta inviando gli assegni per rimediare a una pratica giudicata poco corretta, riguardo alcuni post sponsorizzati tra il 2011 e il 2013.

Nell’aprile del 2011, 5 persone hanno avviato una causa contro Facebook, una vera e propria class-action. La ragione era la presenza in alcune “Sponsored Story”, particolari post sponsorizzati ora scomparsi dalla piattaforma, riguardanti foto e nomi di alcuni utenti del social. Utilizzo per cui non era stato richiesto alcun consenso agli interessati.

Dopo aver messo “mi piace” alle pagine fan o ai contenuti di determinati brand, numerosi utenti si erano ritrovati nel materiale promozionale creato proprio per quelle aziende. Un fatto inaccettabile per i querelanti.

Malgrado sia partita da sole 5 persone, la class-action è stata successivamente estesa a tutti coloro che si erano ritrovati negli ads senza il proprio consenso. Per rientrare tra gli aventi diritto al rimborso, era necessario sottoporre richiesta ufficiale entro il 2 maggio 2013. Cosa che in molti hanno fatto.

Secondo quanto si legge nella sentenza (datata agosto 2013) emessa dalla corte californiana che si è occupata del caso,  gli utenti coinvolti sono stati circa 150mila.

Nel verdetto, il giudice Richard Seeborg condannava Facebook al pagamento di una cifra di 20 milioni di dollari, circa 15 $ dollari per ogni utente coinvolto. Ecco spiegata la spedizione degli assegni da parte della società.

Come sono cambiati gli ads

Dal 2013 a oggi, gli annunci su Facebook sono molto cambiati. Il social ha infatti disattivato le Sponsored Story nel giugno del 2013, proprio in concomitanza con la class-action, arrivata a sentenza poco più di un mese dopo.

Facebook è ora più attento all’utilizzo dei dati e delle immagini dei propri utenti. Ciascuno di noi può cambiare le proprie preferenze relative alle inserzioni, decidendo cosa condividere con chi e quali brand possono apparire sulla propria Bacheca attraverso gli annunci. Di recente è arrivato anche lo stop alla condivisione per fini commerciali dei dati degli utenti di WhatsApp Uk, app del gruppo.

Non mancano però i problemi. Pochi giorni fa vi abbiamo raccontato di un nuovo tool per gli inserzionisti, che permette di stabilire l’affinità etnica dei propri annunci. Si possono, per esempio, destinare alcuni ads a minoranze specifiche. Uno strumento che le associazioni per i diritti civili americane hanno definito razzista e discriminatorio.

Foto: 401(K) 2012 on Flickr

Categorie
Advertising
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close