Gli under 20 insegnano come evitare la pubblicità online

Ecco le due funzionalità utilizzate dai più giovani per bloccare il fastidio degli annunci sul web
Under 20

Agli under 20 la pubblicità online proprio non va giù. Appartengono alla cosiddetta Generazione Z, cioè i nati tra il 1996 e il 2010. Sono nativi digitali, non sanno com’era il mondo prima di Internet. E per questa ragione hanno imparato meglio di tutti a driblare pubblicità, banner e ads online.

Secondo una recente ricerca – AdReaction: Engaging Gen X, Y and Z, di Kantar Millward Browngli under 20 sono i più portati a evitare gli annunci pubblicitari: lo fa il 69% degli intervistati (un campione dai 16 ai 19 anni diviso in 39 Paesi).  Per le altre fasce di età, la media si ferma invece al 50%.

Evitare la pubblicità in due mosse: AdBlock e Skip

La strategia più semplice che utilizzano è quella dello skip. Abituati come sono a guardare video sui social e altre piattaforme online, gli under 20 non sono affatto interessati agli spot che vengono trasmessi in precedenza. Generalmente si possono saltare: in un angolo dello schermo compare una piccola finestra che consente di “andare direttamente al video” dopo un certo numero di secondi (5, in genere).

Ecco un esempio:

Skip

Gli under 20 cliccano su skip 3 secondi prima rispetto alla Generazione X (di età compresa tra i 35 e i 49 anni). Il 69% dei teenager dichiara di apprezzare molto questo tipo di funzionalità.

L’altra strategia è l’installazione di un software per l’AdBlock, per bloccare cioè banner e annunci sul nascere. Si tratta di estensioni, dei moduli cioè che consentono di personalizzare le caratteristiche di un browser, installabili facilmente sul proprio dispositivo. Ne esistono di diverso tipo: per pc, fissi e portatili, ma anche per smartphone e tablet. Ogni programma di navigazione, inoltre, ha la propria versione. Secondo la ricerca, gli under 20 sono i più propensi a usare questo tipo di tecnologia.

La più utilizzata? Probabilmente è Adblock Plus, che ha estensioni per i diversi borwser (Chrome, Mozilla, Opera, Microsoft Edge) e applicazioni per i principali sistemi operativi mobile, Android e iOS. Per info: https://adblockplus.org/

APPROFONDISCI: 8 consigli per proteggere i tuoi dati online

Come conquistarli: stop alle celebrities

Come può, invece, un’azienda creare un contenuto pubblicitario che un under 20 non abbiamo il desiderio di oscurare immediatamente? La ricerca della Kantar Millward Brown risponde anche a questo.

Innanzitutto, evitare di comprare ads che non possono essere saltati: chi “costringe” un teenager a guardare uno spot, potrebbe avere un ritorno d’immagine negativo, generando maggiore frustrazione negli utenti e aumentando la possibilità di installazione di un Adblock.

Secondo i ricercatori, il segreto sta poi in un mix di ironia, buona musica e una bella storia da raccontare. Sono gli spot divertenti, quindi, a conquistare i più giovani: lo humor funziona molto più delle celebrities, le celebrità che spesso vengono ospitate nello spot per aumentarne l’appeal.

Categorie
Advertising
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close