I Mannequin Challenge dei Brand: eccone 3 davvero brutti (+2 che vale la pena guardare)

Mannequin Challenge. I brand ci provano ma non tutti riescono. Seguire un trend virale sul web richiede originalità e condivisione dei valori di fondo
I Mannequin Challenge brandizzati

Quando scoppia un trend su Internet, aziende, celebrità e brand corrono spesso a imitarlo. I risultati a volte sono eccellenti, in altri casi pessimi. È successo lo stesso anche con il Mannequin Challenge, la creazione di video che rappresentano scene di vita quotidiana, ma in cui i protagonisti sono completamente immobili, come pietrificati.

Vediamo i risultati.

Mannequin Challenge: come nasce

La moda pare sia nata nelle high school americane, quando diversi gruppi di alunni delle scuole cominciano a riprendersi con cellulari nelle loro pose “plastiche”, completamente immobili. Una specie di versione digital del gioco delle “Belle Statuine”.

Da allora ha cominciato a diffondersi ovunque su Internet, coinvolgendo anche star e celebrità da tutto il mondo. Si sono cimentati nella sfida (challenge) anche gente del calibro di Paul McCartney, Hillary Clinton, Michelle Obama, i Cleveland Cavaliers, campioni NBA, e così via.

Non ci sono -“regole” particolari per partecipare al challenge. Le uniche caratteristiche comuni sono la musica di sottofondo, che è in genere Black Beatles di Rae Stremmurd ft. Gucci Mane (ma non è obbligatoria), e il fatto di restare completamente immobili.

Alla redazione di Socialcom piace molto questa versione, che troviamo divertente e originale:

Mannequin Challenge: la prova dei brand

Quando un trend diventa virale, le aziende spesso tentano di rincorrerlo. A volte con buoni risultati. Altre volte meno. La regola di base dovrebbe essere che un’azienda imiti solo i linguaggi e le culture sociali con cui si trova in sintonia, quelli che possiedono in qualche modo una visione del mondo simile ai propri valori. E in più, si dovrebbe sforzare di aggiungere un pizzico di originalità al tutto: altrimenti l’operazione si riduce a una copia pura e semplice. E piuttosto che diventare cool, diventa un patetico tentativo di imitazione.

Ecco 3 esempi che non ci hanno entusiasmato.

Questa di Coca-Cola è un semplice fermo immagine…tanto valeva scattare una foto! Punteggio zero in creatività:

Quello d Denny’s, catena di fast food americana, unisce al Mannequin Challenge anche il successo della nuova serie HBO, Westworld, che ha come protagonisti dei robot. Non sappiamo se era questo l’intento del brand, ma il risultato a noi risulta decisamente inquietante:

Target, la seconda più grande catena di discount USA, ha almeno un’idea simpatica: quella di trasformare dei veri manichini nei protagonisti del Challenge. Potevano però sforzarsi di renderla un tantino più elaborata. L’esecuzione è decisamente artigianale:

I Mannequin Challenge che vale davvero la pena guardare

Anche se non sono propriamente “brandizzati”, questi Mannequin Challenge colgono davvero nel segno. Perché sanno cavalcare il trend, ma con originalità, mescolando la nuova forma di comunicazione ai propri valori di base.

Sono due i migliori, secondo noi, creati da due istituti diversi che si occupano dello stesso settore di ricerca:

L’intento di entrambi è quello di sensibilizzare le persone sulla ricerca sulla SLA, la sclerosi laterale amiotrofica, una malattia che condanna chi ne è affetto alla paralisi: un Mannequin Challenge senza fine, si potrebbe dire, ricalcando il nome esatto del secondo video (never ending).

Il primo è stato realizzato dalla IsrA.L.S., associazione di ricerca sulla Sla israeliana. Il secondo è della ASL League, un ente simile ma con sede nel Belgio.

Foto: Horia Varlan

Categorie
Advertising
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close