Chi sono i Millennials e cosa vogliono

L'ultima generazione che ha conosciuto il mondo senza Internet sta portando l'Italia nell'era digitale
Millennials

Millennials, gli ultimi nati prima della fine del millennio: oggi hanno tra i 17 e i 35 anni e sono quindi (quasi) tutti maggiorenni. Rappresentano ormai buona parte della forza lavoro globale, ma in Italia fanno molta fatica a trovare l’indipendenza economica e dalla famiglia. Non sono tutti nativi digitali, ma utilizzano i new media in maniera assidua.

Ecco gli ultimi dati, diffusi dall’Eurispes.

La fotografia dei Millennials italiani

Sono oggi 11 milioni i Millennials italiani. Tra 3 anni (entro il 2020), rappresenteranno la metà della forza lavoro globale mondiale. Eppure non riescono a essere indipendenti economicamente. Almeno in Italia.

Secondo Eurispes, i nostri under 35 sono disillusi sul proprio futuro. Quasi la metà (48%) crede che per mettere su famiglia sia necessario l’aiuto economico dei genitori. E il 40% non crede che, un giorno, potrà raggiungere i livelli salariali dei propri genitori. Per una buona fetta il risparmio è un’utopia: il 45% lo definisce “un grande sacrificio”.

Tuttavia è ritenuto necessario: il 59% delle persone comprese tra i 25 e i 34 anni, risparmierebbe in vista di futuri imprevisti.

Valori saldi

I propri valori sono la bussola in base alla quale questa generazione sceglie il lavoro e le aziende presso cui effettuare acquisti. Il 56% ritiene fondamentale scegliere aziende che operano in modo sostenibile. Il 49% rifiuta invece incarichi che sono in contrasto con la propria etica professionale.

Sono anche molto esigenti: il 79% dichiara che un marchio dovrebbe essere pronto a innovare costantemente prodotti e servizi, per stare al passo coi tempi. Non sono totalmente disillusi nei confronti della pubblicità: per il 49% una comunicazione mirata e intelligente diventa un asset strategico per le marche.

APPROFONDISCI: Come comunicare ai Millennials

I Millennials amano il digital (ma vince ancora la TV)

Gli Under 35 appartengono all’ultima generazione che ricorda il mondo prima di Internet. Malgrado ciò, sono a proprio agio con le nuove tecnologie, con cui ormai convivono da diversi anni. Il 76% fa uso di almeno un social network. E sullo smartphone trascorrono mediamente 2 ore e 41 minuti ogni giorno.

Tra le abitudini mediali, però, vince ancora la televisione: vi passano infatti circa 4 ore e 25 minuti, ogni giorno, in media.

Pericolo cyber-stalking

I Millennials sono anche le prime vittime di stalking e cyber-stalking, la persecuzione attraverso i new media. Il 12,2% degli intervistati da Eurispes dichiara di essere stata vittima di stalking. Decisamente sopra la media, le vittime tra i 25 e i 34 anni: 20%. La quota di persone stalkerizzate via Internet e smartphone sale vertiginosamente: dichiara di aver subito molestie il 91,2% dai 25 ai 34 anni; dai 18 ai 24, invece, la percentuale si ferma all’87,5%.

FOTO: State Farm

Categorie
Brainstorming
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close