Nuova bufala sui social: la truffa dei bambini malati

I pericoli che nascondono i post emozionali che sfruttano i bambini per spingere alla condivisione
bufale online

“Questo bambino ha il cancro e ha bisogno di soldi per l’operazione. Facebook lo aiuterà donando 2 dollari per ogni mipiace, 4 per commenti e 8 per condivisione”. Questo il messaggio del post che è apparso in questi giorni sui social media. Ritraeva un bambino con centinaia di macchie sul corpo. Ma è una bufala, come spiegato dalla BBC. Il post è stato usato per truffare gli utenti che si sono lasciati coinvolgere (e fregare).

Bufala: la denuncia della madre

È stata sua madre, Sarah Allen, la prima ad accorgersi che l’immagine di suo figlio, che in realtà era solo vittima di una forma violenta di varicella, veniva usata su alcuni profili in modo illecito. La donna racconta che è stata contattata da alcuni suoi amici che avevano visto il post: «Sapevamo che l’immagine stava circolando su Google alla voce “varicella”. Ma non pensavamo che potesse essere usata per lucrare su un argomento così delicato come il cancro che colpisce i bambini», spiega Allen.

Le prime denunce inascoltate

Allen racconta come subito si è prodigata per far scomparire la bufala dal social. La foto veniva prima rimossa, per poi riapparire 24 ore dopo da diversi account che, oltre a quella del figlio, inserivano immagini di altri bambini, con presunte patologie gravi.

Perché è pericoloso credere alle bufale

bufala bambino cancro

Un esperto di sicurezza informatica, Graham Cluley, spiega alla BBC perché è pericoloso interagire con post di questa natura che usa immagini  “emozionali” per colpire gli utenti: «Ci sono un sacco di truffe che si nascondono dietro le bufale. I truffatori usano i profili delle persone per vendere prodotti discutibili, inviare pericolosi virus e, nel peggiore dei casi, provare a entrare nel telefono per catturare dati sensibili. La colpa è degli utenti che credono a tutto quello che viene postato online. Dovrebbero fare più attenzione ai contenuti che decidono di condividere».

Bufale e fake news sono l’argomento di cui discuteremo al nostro secondo aperitivo che si terrà domani 23 febbraio, alle 0re 19, presso l’Iqos Embassy a Roma.

 Per partecipare all’evento, invia una mail a info@socialcomitalia.com, indicando il tuo ruolo nel mondo della comunicazione (giornalista, influencer, social media manager e così via) oppure perché sei interessato all’appuntamento.

Per maggiori info, clicca qui.

Categorie
Convegno
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close