Polizia postale: reclusione fino a 3 anni se spii il tuo partner su Facebook

Nell'era in cui i social la fanno da padrone, la Polizia Postale si ritrova a gestire reati nuovi e in chiave 2.0
polizia postale

Con i social che hanno sempre più piede nella vita delle persone, la Polizia Postale spesso si ritrova dei fronte reati tutti nuovi e non esplicitamente previsti nei codici. Come quando si accede all’account Facebook di una terza persona per spiarlo e leggere le sue conversazioni.

Ma attenzione. La giurisprudenza ha affermato che accedere ai social altrui senza permesso equivale a violarne il domicilio fisico, e si rischia fino a tre anni di reclusione.

Fioccano denunce alla Polizia Postale per i reati 2.0

Negli ultimi anni, la Polizia Postale si è trovata a gestire un numero crescente di querele sporte da mogli e mariti che accusavano il partner (o ex partner) di spiarli su Facebook. Lo scopo? Scovare amicizie insolite, mail “sospette”, controllare gli spostamenti e la giornata del proprio compagno per gelosia o perché sospettano un tradimento.

Brutte notizie però arriva dalla giurisprudenza: : l’art. 615-ter del codice penale punisce espressamente “Chiunque abusivamente si introduce in un sistema informatico o telematico protetto da misure di sicurezza ovvero vi si mantiene contro la volontà espressa o tacita di chi ha il diritto di escluderlo“, Facebook compreso. E rischia la reclusione fino a tre anni.

Il domicilio virtuale vale come il domicilio reale

Questo reato è stato introdotto nel lontano 1993, con lo scopo di tutelare la privacy, a causa dei ripetuti episodi di pirateria informatica. Il domicilio informatico infatti viene considerato alla stregua di uno spazio in cui la persona intrattiene relazioni interpersonali e svolge le sue attività private. E quindi è oggetto di tutela, anche se le relazioni sono “immateriali”.

Non solo Facebook. Il reato coinvolge ogni piattaforma social a cui si accede senza esplicito consenso, alla casella mail e anche lo smartphone. Ma questo norme saranno sufficiente a dissuadere un partner geloso a violare i suoi social per spiarlo? In un momento storico in cui ormai ogni aspetto privato e segreto è riversato sulle piattaforme, per qualcuno potrebbe essere ugualmente fonte di malsana tentazione.

LEGGI ANCHE: Sextortion, quando l’abuso e le violenze sono sul web

Categorie
E-life
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close