Questo social ha più utenti di Facebook (ma sta per morire)

Una vera e propria 'città fantasma': ecco il social con più utenti al mondo (ma sempre più marginale)
social media

Ufficialmente, gli ultimi dati parlano di 2,2 miliardi di utenti: se pensiamo che Facebook è arrivato a 1,79 miliardi alla fine del 2016, stiamo parlando di una cifra enorme. Eppure è dato per morto da almeno 2 anni e viene definito da più parti come una ghost town, una città fantasma. Perché? Perché gli utenti iscritti contano pochissimo, contano invece quelli attivi, mensilmente e giornalmente.

Contano i visitatori, non gli iscritti

Google+,  il social network di Mountain Views, è nato nel 2011 e non ha mai trovato la propria dimensione. Surclassato da Facebook e Twitter prima, da Instagram e Snapchat oggi, gli utenti vi si iscrivono perché “obbligati”: ogni volta che viene aperto un account gmail, l’iscrizione al social è automatica. Da qui l’elevato numero di utenti, che però non ci entrano mai. Quasi nessuno lo fa: le ultime analisi, che risalgono a due anni fa (gennaio 2015), parlano di circa 4/6 milioni di persone attive che postano e interagiscono sul social. (La cifra sugli utenti di Facebook riguarda invece quelli attivi mensilmente, non gli iscritti: la differenza è tutta qui).

Da allora, dal gennaio 2015, nessuno si è nemmeno preso la briga di raccogliere e diffondere statistiche sul social di Google: che è finito pian piano nel dimenticatoio.

Già due anni fa, per la verità, c’era chi lo dava per morto. “Ecco perché Google sta ponendo finalmente fine alle sofferenze di Google+“, scriveva Inc.com a marzo. “Alla scoperta del fallimento di Google+, un tentativo molto dispendioso di spodestare Facebook“, gli faceva eco Mashable ad agosto. Il problema è che il social non si è mai veramente distinto dai suoi competitor diretti. Instagram è stato lanciato grazie ai filtri e all’utilizzo degli hashtag. Snapchat ha visto il suo successo iniziale grazie a messaggi e post che scompaiono. Cos’ha di diverso Google+? È semplicemente una sorta di Facebook su cui non esistono i Mi Piace, ma i +1: troppo poco per fare la differenza.

Eppure, malgrado tutto, l’azienda californiana si rifiuta di mettere davvero la parola fine sul suo social network.

Le 3 novità di Google+

Con un post sul blog ufficiale dell’azienda, Google ha lanciato martedì una nuova serie di novità per Plus. Se proprio vi va di conoscerle, eccole:

  1. Il social nasconderà i commenti considerati di “bassa qualità”, come ad esempio quelli che chiedono un follow
  2. Sarà integrata la funzione zoom per le immagini postate e gli spazi bianchi tra una foto e l’altra saranno ridotti per meglio adattarsi allo schermo dei dispositivi degli utenti
  3. Ritornano gli eventi: come su Facebook, gli utenti potranno creare eventi e invitare le persone a partecipare. Una funzionalità che era stata precedentemente abbandonata.

«Il nostro obiettivo è di rendere Google+ la migliore piattaforma per connettersi con le persone che hanno i tuoi stessi interessi», scrive Danielle Buckley, product manager di Google+.

Google si rifiuta ancora di lasciar morire Google+“, ha titolato mercoledì Business Insider. E ci sembra il commento migliore, a questa vicenda.

Categorie
Social
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close