Social e smartphone causa di litigio per coppie e famiglie italiane

Smartphone e social: un italiano su 3 viene "sgridato" da partner e figli
Smartphone

Le nuove tecnologie della comunicazione hanno cambiato il modo con cui ci informiamo, giochiamo e interagiamo con gli altri. Non solo: hanno anche modificato il nostro modo di relazionarci offline. E a volte i social network e i dispositivi con cui li “controlliamo”, gli smartphone, diventano causa di litigio. Tra moglie e marito, ma anche tra gli altri membri della famiglia. E a sorpresa non sono solo i genitori a richiamare i figli per le loro abitudini tecnologiche

Cosa fanno gli italiani con il cellulare

Ce lo spiega il report Global Mobile Consumers Survey” di Deloitte, una ricerca presentata ieri a Milano, che analizza i trend relativi al comportamento degli utenti di smartphone e tablet in 31 Paesi al mondo.

Deloitte 1

Come vediamo dal grafico, gli italiani usano lo smartphone, ogni giorno, principalmente per eseguire 3 operazioni:

  • Controllare i social network, Facebook su tutti
  • Leggere le notizie (lo fa il 45%)
  • Scattare foto (41%)

Altre attività che Deloitte definisce “tradizionali” sono invece la visione di brevi video (31%) e il controllo delle notizie sui motori di ricerca (26%). Tra le attività considerate invece ‘innovative’ e quindi meno comuni, troviamo:

  • Seguire i VIP dello show business sui canali social
  • Giochi di realtà virtuale (per esempio Pokémon Go, utilizzata dal 13% degli italiani)

Meno comuni, ma comunque in crescita, l’utilizzo di app e siti per trovare l’anima gemella (3%) o per scommettere online (2%).

App vs WWW

Deloitte ha inoltre evidenziato per quali attività gli italiani ricorrono maggiormente ai browser tradizionali (e quindi al classico www) e per quali invece si affidano alle App.

Nel primo caso vincono le attività “tradizionali”. Leggere le notizie, per esempio: il 67% lo fa da browser. Anche prenotare viaggi rientra tra le attività preferite sul web: 61%.

Le app invece sono utilizzate maggiormente per giocare (80%), controllare i social (72%) e il conto corrente (62%). Le app dei social media, in particolare, sono cresciute del 45% rispetto all’anno precedente. Lo shopping online è l’unico settore che non vede una chiara preferenza tra App e www (50/50). Ecco tutte le percentuali, in due grafici esplicativi:

Deloitte 2

Secondo Deloitte, le app che hanno visto un aumento vertiginoso negli ultimi mesi sono quelle di messaggistica istantanea. Rispetto al 2015, il numero di persone che le usa è cresciuto del 60%. WhatsApp vince in questa speciale classifica: il 56% degli intervistati lo utilizza costantemente. Tra i social, invece, gli utenti premiano Facebook (39%) e Instagram (11%).

Gli smartphone mettono in crisi le relazioni umane?

Tempi duri per le relazioni offline, soprattutto in Italia. Secondo i ricercatori, infatti, quasi un italiano su tre (27%) viene ripreso dal partner perché usa troppo lo smartphone. L’Italia è prima in Europa in questa (poco lusinghiera) classifica:

Deloitte 3

A sorpresa, non sono tanto i genitori a sgridare i figli per l’utilizzo eccessivo dei dispositivi mobili (succede nel 22% dei casi). Sono invece i figli ad accusare papà e mamma di essere troppo tech-addicted: l’argomento è occasione di litigio per il 27% dei genitori.

Gli italiani non spengono il cellulare nemmeno di notte: il 37% degli intervistati lo usa dal letto per controllare l’ora (37%), leggere i messaggi su WhatsApp (15%) o controllare le email (9%).

Sempre al lavoro

C’è un altro effetto collaterale che riguarda l’eccessivo uso dei dispositivi mobile. Siamo sempre e costantemente al lavoro. La reperibilità è diventata, per tantissimi, h24: l’83% degli intervistati controlla e risponde alle email anche durante il tempo libero e persino di notte. Il 57% delle persone che hanno un lavoro controlla il telefono appena svegli, al mattino, e l’80% si addormenta con lo smartphone in mano. In media, una persona “in carriera” dà uno sguardo al dispositivo più di 200 volte al giorno (succede al 59% degli intervistati).

«Lo smartphone è uno strumento di cui ormai si fa un utilizzo costante ed esteso, in ambito lavorativo e ricreativo. Si è definitivamente trasformato da semplice strumento per telefonare ad accessorio multi-funzione con un conseguente impatto sulle aziende», spiega Alberto Donato, Partner Deloitte e TMT Industry Leader.

Categorie
Focus
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close