Dove va l’editoria italiana

Pochi lettori forti in Italia e cali negli acquisti, ma crescono bene gli editori di nicchia
editoria-italiana

Il successo dell’editoria italiana è stato storicamente frenato da una bassa percentuale di lettori. Per il 2015, l’Istat ha stimato che il 42% della popolazione di sei anni e più ha letto almeno un libro nei 12 mesi precedenti. Un dato stabile rispetto al 2014, dopo un lungo calo registrato a partire dal 2011.

I cosiddetti lettori forti, coloro che leggono almeno un libro al mese, rappresentano il 13,7% del totale dei lettori, in ulteriore calo rispetto al 2014 (14,3%). C’è ancora speranza per il settore? Gli ultimi dati dicono di sì.

Editoria italiana: la crescita dopo una crisi di 7 anni

La lunga crisi dell’editoria italiana, durata 7 anni, sembra aver visto una seppur minima inversione di tendenza. Già nel 2015 Nielsen stimava una crescita dello 0,7% nei canali trade (librerie, online e GDO), con una crescita complessiva dell’1,6% (dati: AIE) quando si considerano i fatturati anche di ebook e canali di vendita alternativi (fiere, musei, edicole). Crollano invece le vendite nella Grande Distribuzione Organizzata, che ha fatto registrare -14,8% sul 2014. Un incremento molto timido è stato confermato nei primi 4 mesi del 2016: +0,1% del trade.

A trainare la crescita, ci sono le librerie indipendenti, gli ebook, cresciuti del 25,9% nel 2015, e i canali distributivi alternativi (+8,1%). Questi ultimi due settori rappresentano ormai quasi il 30% del totale del mercato.

Editoria italiana: l’importanza delle nicchie

Tra i dati più interessanti, c’è l’aumento del volume di affari delle librerie indipendenti: +2,3%. Questo trend conferma l’andamento dell’editoria italiana nel suo complesso: sono i lettori forti a trainare il settore. I lettori occasionali, che prima compravano nella GDO, sembrano in diminuzione. L’editoria italiana che vince sta dunque nelle nicchie e sarà così anche nel prossimo futuro.

Lo confermano le stime sugli editori. Gli unici che riescono a incrementare il fatturato sono coloro che coltivano una nicchia stabile e solida. Si tratta di circa il 15% del totale. Sono, in genere, gli imprenditori più attivi, che attingono alla propria creatività per sviluppare idee promozionali nuove: festival, feste, fiere, innanzitutto. Ma anche corsi, eventi di formazione e workshop, con l’obiettivo di creare una base di lettori appassionati.

Editoria italiana: i settori

A essere saldamente in attivo è il settore dei libri per bambini e ragazzi. Gli ultimi rilevamenti Nielsen, ci dicono che questo tipo di volumi, illustrati o meno, rappresentano ormai il 22% del comparto. Questo malgrado un rallentamento della crescita registrato nel 2016, dopo anni da record, che avevano segnato punte del +6,4%.

Il 2016 dell’editoria italiana ha fornito ulteriori segnali contraddittori. Se negli anni precedenti settori come il Lifestyle e il Tempo libero sembravano in caduta libera, i primi mesi dell’anno hanno fatto registrare un’inversione di tendenza. Dati positivi registrati anche dai romanzi d’amore, dai libri sulla cristianità e dalle guide (soprattutto test per esami e concorsi). Continua a perdere terreno la fiction: nel 2016 rappresenta il 37,5% del totale delle vendite librarie, in calo rispetto al dato 2015 (38,9%).

Foto: Sistema Bibliotecario Vimercatese

Categorie
Brainstorming
Nessun commento

Lascia un commento

*

*

Articoli collegati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close